Federazioni Distretti Italiani
 
 

Distretto Veneto della termomeccanica - VenetoClima

Torna: Veneto

Sede del Distretto
Il distretto Venetoclima è radicato principalmente in alcuni comuni della provincia di Verona e in altri di province limitrofe.

Specializzazione produttiva:
Il Distretto è specializzato nelle attività del settore termomeccanico, le quali coinvolgono tutti i sistemi legati alla gestione della temperatura e dell’umidità di un ambiente.
L’ossatura dei prodotti di termoregolazione riguarda sia la gestione del calore, attraverso termosifoni, caldaie, generatori di calore, bruciatori, scalda-acqua, termoconvettori a gas e generatori di aria calda; sia la gestione del freddo, con refrigeratori, ventilconvettori e condizionatori.
Le sperimentazioni sui i primi impianti civili da riscaldamento risalgono al primo dopoguerra, periodo in cui inizia lo sviluppo della grande distribuzione degli impianti e la produzione di acqua calda tramite generatori di calore e scambiatori.
Da allora le aziende venete del settore si sono sempre più specializzate, rendendo necessaria la creazione del distretto della termomeccanica.

Ente di riferimento di rappresentanza e governance distrettuale
Confindustria Verona
Piazza Cittadella 12 - 37122 Verona
Tel. 045 8099472
Fax 045 8026906
distretto@venetoclima.it
www.venetoclima.it
Rappresentante distretto: dott.Marcello Fantini
rappresentante@venetoclima.it

Riconoscimento regionale e Normativa di riferimento
Con Legge regionale 4 aprile 2003, n. 8 "Disciplina dei distretti produttivi ed interventi di politica industriale locale", come modificata dalla Legge regionale 16 marzo 2006, n. 5, la Giunta Regionale ha inteso promuovere azioni coordinate di sostegno allo sviluppo del sistema produttivo locale. Tra le finalità della Legge regionale in oggetto si richiama il sostegno all'innovazione per i settori produttivi, tramite la promozione e lo sviluppo dell'intero sistema produttivo regionale implementandone ed ampliandone le potenzialità.
La citata Legge disciplina inoltre e nell'ambito della più generale azione di sostegno allo sviluppo del sistema produttivo regionale, i criteri di individuazione e le procedure di riconoscimento dei Patti di Sviluppo dei distretti/metadistretti produttivi, nonché le modalità di attuazione degli interventi per la crescita dell'intero sistema produttivo locale.

Dati quantitativi

N. Imprese (2014) 3.311 Var.% Imprese (2013/2014) -0,54
N. Imprese fino a 49 addetti (2013) 2.416 Var.% Imprese fino a 49 addetti (2012/2013) -0,49
N. Addetti (2013) 27.790 Var.% Addetti (2012/2013) -1,53
Export 2014 (Mln Euro) 2.895 Var.% Export (2013/2014) -0,93

Leggi Regionali
L. R. 4 aprile 2003, n. 8 "Disciplina dei distretti produttivi ed interventi di politica industriale locale".
L.R. 16 marzo 2006, n. 5. Approvazione candidature nuovi Patti di Sviluppo anno 2008 e nuove adesioni Patti di Sviluppo anni 2005, 2006 e 2007.

Delibere Giunta Regionale
DGR n. 1262 del 2 maggio 2006 "Criteri per la redazione e la presentazione dei Patti per lo sviluppo dei Distretti e dei Metadistretti".
DGR n. 3434 del 7/11/2006 "Legge regionale 4 aprile 2003, n. 8 come modificata dalla L.R. 16.3.2006, n. 5. - Disciplina delle aggregazioni di filiera, dei distretti produttivi ed interventi di sviluppo industriale e produttivo locale". Rideterminazione dell'iter procedimentale dei criteri di integrazione e valutazione dei Patti per lo Sviluppo dei distretti e dei metadistretti".
Dgr n. 1964 del 15 luglio 2008, allegato B/C “integrazioni delle imprese sottoscrittrici i Patti di sviluppo”.

 
UNIONCAMERE
Istituto Guglielmo Tagliacarne
OSSERVATORIO NAZIONALE DISTRETTI ITALIANI
SEDE SEGRETERIA
c/o Unioncamere Veneto
Via delle Industrie 19/D - Edificio Lybra
30175 Marghera - Venezia
Tel. +39 041 0999 337 - Fax +39 041 0999 303
Cod. Fisc. 90032590029
crediti: Representa
representa.it